Langolostorto: Venti anni di vantaggio

Articolo pubblicato su Formiche del mese di Ottobre 2018

sharing.jpegRicordiamo le raccomandazioni che i nostri genitori ci facevano di continuo quando eravamo bambini? “Non accettare caramelle dagli sconosciuti”, “non parlare con gli sconosciuti”, figuriamoci salire in macchina con degli sconosciuti. Probabilmente a nostra volta le avremo fatte ripetutamente anche ai nostri figli. Certo, il mondo appare un luogo tutt’altro che sicuro, eppure di rado ci soffermiamo a riflettere su quanto sia cambiata questa percezione in un periodo di tempo relativamente breve.

La fiducia, base dei rapporti umani più profondi, può e deve tornare ad essere il motore dell’economia, la valuta del nostro futuro. Continua a leggere

LUISS e Università di Petra insieme per il Progetto Mediterraneo

Unknown-9Come definireste in una parola cosa è “normale”? Ci verranno in mente molte cose se ci soffermeremo a ragionarci su, ma con grande probabilità la normalità andrà in pari con la routine nel nostro modo di pensare. Ed è giusto, perché per ciascuno di noi la normalità è quello che coincide con la routine. La nostra routine, però, è composta da molti aspetti che per una fetta molto ampia di popolazione sono tutt’altro che consuetudine. Continua a leggere

Decostruire la conoscenza

Schermata 2018-05-25 alle 21.51.55.pngLa African Leadership University è probabilmente uno degli esempi più recenti di life largelearning. Il loro obiettivo è “decolonizzare” la conoscenza, espandendo gli orizzonti e rendendo la conoscenza davvero accessibile per gli studenti africani.

I punti da affrontare per decolonizzare radicalmente il sapere non sono pochi. Innanzitutto, equiparare – o almeno, avvicinare – la percentuale di studenti africani che partono per uno scambio internazionale verso l’Europa o gli Stati Uniti e viceversa. Ad oggi, si stima che la ratio sia 10:1, ossia per 10 studenti americani o norvegesi che vanno a studiare in Africa c’è solo un ghanese che parte per studiare a Parigi. Continua a leggere

Presentato in anteprima il Milano LUISS Hub for Makers and Students: laboratorio di idee, creatività, innovazione

thumbnail_Marcegaglia, Sala, Tajani, Lo Storto.jpgL’innovazione sociale non è una disciplina che si apprende passivamente a lezione, e non è un settore industriale, ma una dimensione fatta di tecnologia, ricerca, impresa ma anche di scambio e incontro.

In questa frase è racchiuso il senso del Milano LUISS Hub for Makers and Students, un nuovo spazio polifunzionale dedicato alla formazione, allo sviluppo d’impresa, alla creatività digitale, alla cultura dell’innovazione e all’autoimprenditorialità 4.0 presentato oggi in anteprima per la stampa e le scuole. Continua a leggere

La natura dell’innovazione

creativity.jpgAutori di un libro da poco pubblicato, The Runaway Species: How Human Creativity Remakes the World, i professori Anthony Brandt della Rice University del Texas e il professor David Eagleman di Stanford sostengono che la nostra società sta puntando a formare innovatori, ma va nella direzione opposta.

Secondo i professori, l’uomo è l’unica specie in grado di compiere azioni creative, ed è questo che differenzia il cervello umano da quello di tutte le altre specie. Il cervello dell’uomo riceve degli input, li rielabora e ne restituisce una nuova versione. Il punto è: come possiamo plasmare il sistema educativo in modo che possa ottimizzare al massimo questa capacità dei nostri giovani, ancora troppo poco esplorata? Continua a leggere

Career Day 2017: le aziende incontrano i beyonders

Si è tenuta oggi al campus di viale Romania la 21° edizione del Career Day LUISS: i Giovani e il lavoro, l’appuntamento annuale di incontri con le Risorse umane delle più importanti multinazionali, imprese e istituzioni italiane ed internazionali e di orientamento professionale e recruiting dedicata agli studenti e ai laureati dell’Ateneo che oggi ha ospitato oltre 100 aziende e startup a caccia di talenti. Continua a leggere

Alimentazione sostenibile: alla LUISS un nuovo corso per imparare la sostenibilità anche a tavola

well-being.jpgConsapevolezza. Vivere consapevolmente, mangiare consapevolmente.

È ragionando su questo concetto che abbiamo inaugurato il corso di Well-being in LUISS, aperto a studenti triennali e a ciclo unico, della durata di 40 ore. Un progetto del tutto innovativo, che rappresenta una evoluzione dell’idea che ha portato, alcuni anni fa, alla creazione di un orto condiviso nel campus di viale Romania.

Il futuro ha come parole chiave: condivisione, consapevolezza, rispetto, sostenibilità.

Il nostro pianeta mostra già dei segni evidenti di sofferenza a causa del consumo medio odierno e della produzione di rifiuti. Invertire questa tendenza non è più una opzione. Continua a leggere

Innovare vale più della carriera. I giovani non hanno paura

6a00e54f8c25c98834017c317442ea970b-500wiPrendere decisioni con la propria testa è importante. Una decisione difficile, come quella di scegliere il percorso formativo giusto, nel posto migliore per sé, per le proprie ambizioni, per le proprie predisposizioni, andrebbe davvero presa con cognizione di causa. Ma esattamente di quale causa dovrebbero avere cognizione i nostri giovani, spesso accusati di inettitudine, mancanza di fiducia nei propri mezzi, coraggio?

Fortunatamente, malgrado la cortina fumogena eretta dalle molte analisi, i giovani oggi sono meno rassegnati di quanto si possa immaginare e con molta più voglia di fare. Non si possono certo definire una «gioventù bruciata» ma piuttosto una «gioventù incendiaria» desiderosa di appiccare il fuoco della trasformazione con le proprie mani e di governarlo con cuore e pancia. Continua a leggere

Paola Severino nuovo Rettore LUISS

severino-rettoreIeri, 3 ottobre 2016, il Consiglio di Amministrazione della LUISS ha nominato Rettore dell’Università fino ad aprile 2018 la Professoressa Paola Severino, che succede al Professore Massimo Egidi.

Prima donna a ricoprire questa carica nella storia dell’Ateneo e personalità nota al Paese per i suoi molti successi professionali, Paola Severino ha ricoperto incarichi prestigiosi a livello istituzionale, culminati nella nomina a Ministro della Giustizia, in uno dei momenti più delicati della vita del Paese. Durante la sua esperienza governativa, ha contribuito al recupero della reputazione internazionale dell’Italia, con una legge contro la corruzione e l’illegalità, riconosciuta da molti paesi come esempio di eccellenza giuridica. Continua a leggere