Langolostorto: Creare il proprio lavoro

Articolo pubblicato originariamente sulla rivista Formiche del mese di dicembre 2018

Schermata 2018-05-25 alle 21.51.55Le startup sono un fenomeno esploso negli ultimi due decenni, con l’obiettivo di innovare l’economia e il mercato dei prodotti e servizi. Cuore pulsante, per definizione: la Silicon Valley, in California. Per anni le startup – soprattutto digitali – sono state un modello positivo di rilancio dell’economia, dando ai giovani la possibilità di creare il proprio lavoro proprio quando il vecchio mercato aveva oramai poco da offrire, oppure sperimentando un nuovo modo di lavorare. E ci sono riusciti in molti casi, in America come in Europa, mentre hanno insegnato qualcosa anche a chi non ha avuto successo immediato.

Dall’altro lato della costa, a New York per la precisione, c’è chi vuole fare ancora di più. Ankur Jain, 28 anni, è il co-founder di Kairos, un incubatore di startup accomunate da una mission condivisa: risolvere i problemi reali delle persone, andando anche a spiazzare il settore pubblico laddove esso non è in grado di offrire soluzioni altrettanto efficaci. Continua a leggere

Startup e successo: come riuscirci?

startup-entrepreneurCoraggio. Perseveranza. Equilibrio. Sono questi i tre pilastri che fanno un buon imprenditore.

Stiamo assistendo nel nostro tempo a un proliferare quasi incontrollato di startup digitali. Migliaia di startup nascono e poche sopravvivono, eppure questo rimane un fenomeno di grande innovazione sociale ed economica.

Incoraggiamo gli studenti a mettersi alla prova, a creare il proprio lavoro se non ne trovano uno già “pronto”. Ma li equipaggiamo a sufficienza per questa avventura? Continua a leggere

Tecnologia e sanità: team israeliano scopre gli effetti benefici della realtà virtuale per ridurre il rischio di cadute negli anziani

411f4a1e3ea6ad6d1a16e415a1e3e322Per una persona anziana, cadere mentre si cammina può diventare un rischio non da poco per la propria vita. Il 30% degli anziani, e la percentuale schizza fino all’80 in persone affette da deficit cognitivi o demenza, cade almeno una volta l’anno. Negli Stati Uniti, in media oltre 700,000 persone oltre i 65 anni vengono ricoverate per lesioni dovute a una caduta, con conseguente ospedalizzazione e traumi che ne derivano. Secondo l’OCSE, questo tipo di trattamenti sanitari ammonta al 2% della spesa complessiva per la sanità. Inoltre, in molti casi una brutta caduta, anche senza lesioni fisiche, ingenera un senso di paura che si può trasformare nel desiderio di non uscire più di casa per limitare i danni.

Un team di ricercatori in Israele, guidati dal dott. Anat Mirelman, sembra aver trovato la soluzione a questo problema grazie alla realtà virtuale. Continua a leggere

Facebook affianca cinque start-up italiane

2013_06_17-20_32_49-9.jpg

Luiss Enlabs

Dopo la proposta di una scuola di Apple a Napoli, che formerà 600 sviluppatori ogni anno e che dovrebbe partire entro la prossima estate, i giganti della tecnologia tornano a investire nelle buone idee Made in Italy.

Facebook ha infatti deciso di includere cinque promettenti start-up italiane nel progetto FbStart, dopo aver investito oltre 100 milioni di dollari in 7,200 giovani imprese nel mondo. Continua a leggere