Un anno di scuola

blur-child-classroom-256468.jpgA cosa serve la scuola? Perché ci formiamo, sempre di più per tutta la vita? Riflettiamo: diamo per scontato che ci dovremo formare anche oltre gli anni di scuola, ma se ci fermiamo a pensare alla lista di motivazioni che ci spingono ad andare avanti, cosa ci viene in mente?

Uno dei pilastri degli obiettivi del millennio (SDGs, Sustainable Development Goals) delle Nazioni Unite è quello di raggiungere il 100% di scolarizzazione. In poco meno di venti anni si sono già visti importanti progressi. Tra il 2000 e il 2015, il tasso di iscrizione alla scuola primaria nel mondo industrializzato è cresciuto dall’83% al 91%, di pari passo con il trend di crescita dell’alfabetizzazione dei giovani tra 15 e 24 anni.

Tuttavia, c’è ancora molto da fare. Continua a leggere

L’arte come strumento di apprendimento

programs_kids_art-classes.jpgNelle scuole del mondo c’è sempre meno spazio per l’arte. Studi condotti in diversi Paesi, dall’Olanda agli Stati Uniti, dimostrano che le ore di insegnamento dedicate alle arti sono state ridotte nel corso degli ultimi venti anni e che la qualità e la complessità dei disegni di bambini in età scolare e pre-scolare sono sensibilmente diminuite. Soprattutto a seguito della diffusione capillare della tecnologia, poi, il disegno è progressivamente rimpiazzato da strumenti digitali come esperienza di apprendimento.

Allo stesso modo, i corsi di formazione per insegnanti stanno via via trascurando sempre di più l’aspetto delle arti visive come strumento di insegnamento. Eppure, le arti continuano ad avere un ruolo di primaria importanza nello sviluppo cognitivo del bambino. Continua a leggere

Come sarebbe il mondo se sulla Terra vivessero 100 persone?

Come sarebbe il mondo se sulla Terra vivessero 100 persone? Le disparità sarebbero molto evidenti e la geografia avrebbe confini tutt’altro che variabili, come mostra il video.

La maggioranza avrebbe tra 25 e 54 anni, vivrebbe in Asia e parlerebbe perlopiù cinese. 86 saprebbero leggere e scrivere, mentre 14 sarebbero analfabeti. 87 avrebbero acqua pulita, 13 no; 77 persone avrebbero un tetto sopra la testa, ben 23 no. Il dato più curioso, e tristemente tale, è che solo 7 avrebbero frequentato l’università. Una maggioranza schiacciante, 93 su 100, non avrebbe frequentato alcuna università o college. Continua a leggere