L’innovazione dirompente delle piccole cose

Schermata 2018-03-21 alle 22.41.52Disruption. Il tema dell’innovazione, del cambiamento dirompente, è sempre più di primo piano in questi tempi. Eppure, non si tratta proprio di una novità. Negli anni ’80, Cisco introdusse dei dispositivi che consentivano a diversi dipartimenti in azienda di comunicare più agevolmente. Negli anni ’90, eBay iniziò a vendere oggetti che erano difficili da commerciare prima dell’avvento di internet.

Nel 1999, Bill Gates fece 15 previsioni che all’epoca sembravano surreali, ma che quasi venti anni dopo sono diventate realtà: siti in grado di comparare i prezzi, la possibilità di fare transazioni bancarie via internet, assistenti personali virtuali e Internet of Things, offerte commerciali personalizzate, i social media… Continua a leggere

Il mancino zoppo: profilo dell’innovatore coraggioso

Ohfajar 07-1480-kQfD-U10701252322527UpB-1024x576@LaStampa.it.jpgAristide Boucicaut è l’inventore del “Bon Marché”, il primo grande magazzino moderno, il negozio dove c’è tutto. All’inizio, Boucicaut lavora per classificazione, con un metodo rigoroso. Sistema i suoi prodotti per generi merceologici, li ordina, li divide. Grande successo. Ma dopo un anno o due, si accorge che il fatturato non cresce più. E allora, un bel giorno, rimescola tutti i prodotti, mette le patate accanto ai vestiti. E gli affari prosperano, perché la massaia, per trovare le patate, deve passare davanti ai vestiti e finisce per comprarseli, e viceversa. Come Colombo, trova quello che non cercava. Gli anglosassoni la chiamano “serendipity”, l’avvenimento fortuito e fortunato, per quanto imprevisto. È uno dei segreti dell’innovazione, anche se ovviamente non capita per caso, ma presuppone l’impegno e la ricerca.

È l’esempio di innovazione che fa Michel Serres, professore di Storia della scienza alla Sorbona e a Stanford, autore di saggi filosofici importanti come Non è un mondo per vecchi e Pollicino. Al prossimo Salone del Libro di Torino presenterà il suo ultimo libro, Le gaucher boiteux, Il mancino zoppo. Continua a leggere