Nuovi spazi, nuove opportunità: LUISS Enlabs cresce e si prepara a ospitare nuove startup

LUISS Enlabs cresce. È stato inaugurato lo scorso venerdì 8 luglio il nuovo spazio dell’acceleratore nato dalla partnership tra LUISS ed Enlabs srl nel 2013.

In soli tre anni, l’ecosistema nato attorno a LUISS Enlabs è arrivato a ospitare circa 40 startup, che a loro volta hanno creato più di 500 posti di lavoro e generato 20 milioni di euro attratti da business angels e investitori esterni.

A seguito dell’ampliamento, saranno oltre 5,000 ora i metri quadri riservati all’acceleratore romano che, nell’ala storica della Stazione Termini di Via Marsala 29h, arriverà ad ospitare fino a 80 startup e diventerà così uno tra i più grandi acceleratori in Europa. Continua a leggere

Come sarebbe il mondo se sulla Terra vivessero 100 persone?

Come sarebbe il mondo se sulla Terra vivessero 100 persone? Le disparità sarebbero molto evidenti e la geografia avrebbe confini tutt’altro che variabili, come mostra il video.

La maggioranza avrebbe tra 25 e 54 anni, vivrebbe in Asia e parlerebbe perlopiù cinese. 86 saprebbero leggere e scrivere, mentre 14 sarebbero analfabeti. 87 avrebbero acqua pulita, 13 no; 77 persone avrebbero un tetto sopra la testa, ben 23 no. Il dato più curioso, e tristemente tale, è che solo 7 avrebbero frequentato l’università. Una maggioranza schiacciante, 93 su 100, non avrebbe frequentato alcuna università o college. Continua a leggere

Buoni insegnanti per una buona scuola

education-reform.jpgUna buona scuola è fatta innanzitutto di due protagonisti principali: bravi alunni e bravi insegnanti. Uno studio americano citato dall’Economist illustra come un buon insegnante influenzi la preparazione degli studenti molto più di quanto si possa pensare. Secondo lo studio, in un solo anno il 10% di docenti migliori impartisce agli studenti tre volte più conoscenze del 10% di insegnanti peggiori. Un altro suggerisce che se gli studenti afroamericani fossero preparati dagli insegnanti migliori, la differenza di risultati con gli studenti bianchi sparirebbe. Continua a leggere

La fine (o l’inizio) della storia economica: un pensiero su Keynes

germoglio-pietraIn questo momento siamo affetti da un grave attacco di pessimismo economico. È cosa comune sentir dire dalla gente che è ormai conclusa l’epoca dell’enorme progresso eco­nomico che ha caratterizzato il secolo XIX; che adesso il rapido miglioramento del teno­re di vita dovrà rallentare, per lo meno in Gran Bretagna; che nel prossimo decennio è più probabile un declino anziché un fiorire della prosperità.

Ritengo che questa sia una interpretazione estremamente errata di quanto sta accadendo. Quello di cui soffriamo non sono acciacchi della vecchiaia, ma disturbi di una crescita fatta di mutamenti troppo rapidi e dolori di riassestamento da un periodo economico a un altro. L’efficienza tecnica è andata intensificandosi con ritmo più rapido di quello con cui riusciamo a risolvere il problema dell’assorbimento della manodopera; il miglioramento del livello di vita è stato un po’ troppo rapido; il sistema bancario e monetario del mondo ha impedito che il tasso d’interesse cadesse con la velocità necessaria al riequilibrio.

Continua a leggere

Vestire i panni dell’altro: mondi nuovi e altre prospettive

7Perché un professore dovrebbe decidere di diventare allo stesso tempo studente? È successo a Mike Cross, docente di chimica al Northern Essex Community College, in Massachusetts, USA.

35 anni, moglie e tre figli, il prof. Cross ha deciso di iscriversi a un nuovo corso di laurea triennale, per conoscere a fondo le esigenze dei suoi studenti e vivere totalmente la loro esperienza. Quello che è successo dopo è stata una continua scoperta, raccontata in una intervista al Chronicle of Higher Education. Continua a leggere

Se potessi scegliere quanti anni avere, che età avresti?

Se potessi scegliere quanti anni avere, che età avresti? Questa domanda, come raccontato nel video, è stata posta a cinquanta persone di età molto diverse, dai 5 agli 80 anni, e le risposte sono davvero molto interessanti.

Dalla bimba che vorrebbe avere venti anni per poter lavorare a un computer, al quarantenne che invece vorrebbe tornare ad averne venti, sembra che quasi nessuno sceglierebbe la sua età attuale. Solo poche persone si sono dette felici di vivere con addosso gli anni che hanno, avendo fatto tesoro delle bellezze che ogni età riserva.

Continua a leggere