LUISS inaugura l’anno accademico 2017-18


LUISS ha inaugurato ieri l’anno accademico 2017-18, conferendo la Laurea Honoris Causa in Management al Premio Nobel Edmund S. Phelps.

Il video integrale dell’evento è disponibile qui.

Di seguito il testo del mio indirizzo di saluto alla cerimonia.

Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Colleghi, Amici, Ospiti e Cari Studenti, Buongiorno. Grazie per essere con noi in LUISS oggi, sono lieto di condividere con voi questa occasione così importante, Grazie di essere qui. E ancora grazie al Presidente Gentiloni, che pur in queste ore febbrili, ha voluto essere con noi per segnalarci con autorevolezza l’importanza che annette, nel suo lavoro quotidiano, al tema istruzione, ricerca, studio, innovazione.

Saluto il professor Edmund Phelps, cui conferiamo la Laurea honoris causa e le cui parole ascolteremo con emozione.

Questo nostro 2018 si è aperto componendo insieme il nuovo Piano Strategico, che scandisce obiettivi concreti e ambizioni coraggiose. La sua visione si basa su un progetto razionale, e una passione comune: che LUISS sia presto riconosciuta come un membro permanente del ristretto consesso delle migliori università europee.

Vorrei con tutti voi, passo passo, discutere il nuovo Piano, oggi non ne avrò la chance, fatemi però ricordare solo alcune prospettive centrali:

  • la formazione unica di cui dotiamo i nostri laureati indirizzandoli alle professioni e al lavoro;
  • Il processo di apertura internazionale dell’Ateneo,
  • e la concretezza che accompagna ogni nostro progetto, anche il più radicale.

Il suo governo, Signor Presidente, ha indicato tra le priorità il tema dell’alternanza scuola-lavoro: sono lieto di ricordare quindi che LUISS è qui all’avanguardia, con migliaia di studenti liceali, a Roma, a Milano, al Festival dei Giovani di Gaeta, coinvolti con programmi diretti che li portano dalle aule già in azienda.

Nel complesso mercato del lavoro oggi, anche grazie al legame strategico con la Confindustria, ed alla rete di ALL, una laurea LUISS offre un modello formativo unico, che potenzia gli strumenti classici, Orientamento e Servizi di Placement, consapevole che il percorso verso la prima occupazione, al tempo della manifattura digitale, richiede fantasia, impegno degli studenti, in ogni loro fase formativa, ad operare scelte consapevoli con indipendenza e responsabilità.

Questa filosofia abbiamo condensato nel programma “Biografia dello Studente”.

LUISS è ambiente ideale per la formazione di leader coraggiosi e responsabili, dotati di spirito critico, civile, competenze integrate. La nostra attenzione va dai percorsi di soft skills e digital literacy, a ogni iniziativa che coniughi apprendimento ed esperienza, anche attraverso la promozione dello sport come strumento educativo, ne è un esempio la LUISS Sport Academy.

Tra i tanti progetti desidero citare almeno LUISSEnLabs, acceleratore di start-up nel cuore di Roma, alla stazione Termini, 500 posti di lavoro creati in pochi anni, e il Milano LUISS Hub, polo del Nord che innova e forma alla cultura 4.0 già dalle scuole superiori.

Le imprese ci chiedono infatti competenze nuove. Noi rispondiamo creando ambienti in cui docenti e ricercatori possano esprimere il loro valore, ed in cui gli studenti abbiano l’occasione di apprendere, anche con pratiche non convenzionali, valori ed esperienze.

LUISS è un’Università Verde e lei Signor Presidente ha diretto proprio su questi temi il mensile Nuova Ecologia: noi vogliamo essere sostenibili, recuperando capolavori come Villa Blanc, restituita a Roma in un network originale d’istituzioni, economia, cultura.

Luoghi, idee, visione: sono gli elementi per generare il progresso necessario alla nostra società.

Il Prof. Phelps sottolinea come il dinamismo economico e sociale, provenga sempre da una particolare condizione civile di etica pubblica, combinazione tra iniziativa individuale e libera espressione, nel rispetto dell’ambiente.

Il ruolo sociale delle Università è centrale: LUISS propone agli studenti, e alle loro famiglie, un modello in cui competizione e cooperazione non sono contraddittori. La solidarietà è un valore nell’affermazione personale e nella carriera.

Noi non formiamo robot, ma donne e uomini.

Dobbiamo opporci al malessere sociale, matrice di malcontento e rancore. Nella nostra visione, imprenditorialità, apertura al mondo, dialogo tra i saperi, sciolgono le paure in dinamismo creando fiducia.

Perché noi non stiamo “affrontando” la trasformazione. Noi “Siamo” la trasformazione.

Al mondo che verrà, occorrono competenze nuove che facciano della conoscenza l’asset centrale, frutto di un concreto, quotidiano, percorso di esperienze.

Gli studenti sono diversi da noi alla loro età. Sono “apprenditori” attivi, non “spettatori” dell’educazione.

Luiss si impegnerà con passione viva in questo cambiamento epocale, formando i nuovi ceti dirigenti che, in una manciata di anni, avranno in carico i destini del mondo.

Il futuro è loro, di questi giovani. Lasciamoglielo costruire. Consegniamo loro, come testimone, anche la forza della cultura di chi li ha preceduti.

Grazie.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...