Il mondo del lavoro vuole sempre più soft skills

Investire nella formazione e nel consolidamento delle soft skills degli studenti può sembrare un obiettivo secondario rispetto al core business di una università. I dati, invece, ci dicono l’esatto contrario.

Secondo uno studio di Instructure condotto su un campione di 750 manager americani in diversi settori economici e citato da Business News Daily, la maggior parte dei datori di lavoro cerca personale con abilità difficili o impossibili da insegnare. L’attitudine e l’etica del lavoro vengono considerati come elementi determinanti per l’assunzione. L’85% degli intervistati ritiene che siano fattori cruciali per il successo del dipendente, mentre il 79% sostiene che una formazione di prestigio sia la considerazione meno rilevante.

Le soft skills, dunque, tendono a pesare più delle nozioni ai fini dell’assunzione. Ma di quali soft skills parliamo? Un articolo della CNBC fa un breve ma efficace elenco.

Innanzitutto, le capacità di comunicazione, di scrittura, di organizzazione efficace, di lavoro in team, di lavoro sotto pressione e di public speaking. In media, in tutti i 25 milioni di job posting online che sono stati analizzati da Burning Glass Technologies nello scorso anno, si richiede 1 abilità “soft” su 3. In lavori generalmente associati ad elevate competenze tecniche, come nel settore sanitario e nell’informatica, 1 abilità su 4 richiesta dai datori di lavoro è soft.

L’aspetto interessante che emerge, tuttavia, è che non si tratta necessariamente (o esclusivamente) di capacità innate. È comune pensare che se non si è bravi nella comunicazione, ad esempio, questo sia un mero dato di fatto su cui non è possibile intervenire. Al contrario, la maggior parte di queste abilità può essere imparata, grazie all’allenamento con coach professionisti, in grado di lavorare sulle aree di miglioramento di ciascuno ed elevare i punti di forza.

Questo è già possibile in LUISS, dove sono già ben avviate da diversi anni iniziative di soft skills che includono i laboratori di arti e mestieri, pratiche di volontariato, l’Academic Gym per il supporto nello studio delle materie più difficili, l’AdLab per essere “adottati” dall’azienda ancor prima della laurea, corsi di problem-solving, self-empowerment e molti altri. Abbiamo creato un campus dinamico, variegato, a geometrie variabili secondo l’evoluzione del mondo circostante e qui investiamo tutto il nostro tempo e le nostre risorse per dare agli studenti l’opportunità di essere pronti ad affrontare il mondo del lavoro in modo efficace, creativo e appassionato. Con tutte le capacità che hanno da offrire.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...