Lavorare mentre si studia: si può, si deve

Si può lavorare mentre si è all’università, senza che ciò diventi un fardello troppo pesante da portare o rallenti il regolare percorso accademico? In Italia è una prassi diffusa, anche se gli studenti lavoratori oggi sono in diminuzione rispetto al passato. Secondo il Sole 24 Ore, la percentuale di studenti che oltre allo studio svolgono un lavoro retribuito scende dal 39 al 26%, probabilmente a causa della minore disponibilità occupazionale.

Negli Stati Uniti, invece, secondo un report della Georgetown University, circa 14 milioni di persone – l’8% della forza lavoro totale e un buon 70% dell’80% di studenti del college – sono iscritti a un corso universitario e attivi nel mercato del lavoro.

È opinione comune che lavorare un eccessivo numero di ore alla settimana danneggi l’impegno dedicato allo studio e mini la possibilità di completare il ciclo di studi.

Tuttavia, l’analisi effettuata dai ricercatori ha evidenziato un nesso positivo tra il lavoro e lo studio negli anni universitari, che favorisce chi lavora durante il college rispetto a chi inizia a lavorare subito dopo il diploma. Inoltre, chi studia e lavora ha una probabilità maggiore di ricoprire ruoli manageriali e di prestigio nel corso della propria carriera.

Una efficace alternanza scuola-lavoro, dunque, aiuta a trovare un buon lavoro e a capire cosa è meglio per la propria vita e per la propria soddisfazione personale e professionale. Già, perché un aspetto che viene spesso trascurato – ossia la felicità che si prova nello svolgere il proprio lavoro – è in ultima analisi il fattore più importante, oltre che un importante traino per la produttività generale.

Un sondaggio fra gli studenti delle Business School di Harvard, infatti, evidenzia come la maggior parte dei laureandi non sceglie più di lavorare nelle banche d’affari, e che il numero di questi sia diminuito dal 2007 al 2014 – erano il 13% nel 2007 oggi sono solo il 5% – ma preferiscono aziende e start-up ad alto contenuto tecnologico e, soprattutto, che facciano il loro core business del benessere della persona e della sostenibilità in generale. Dunque, meglio essere felici che ricchi. E con un bagaglio sempre pieno di sogni.

2 pensieri su “Lavorare mentre si studia: si può, si deve

  1. Mariangela Giovanzanti ha detto:

    Buonasera,
    Leggo i dati da Lei riportati e l’unica cosa che mi viene da pensare è che in parte sia l’università ad essere poco job friendly. io sono una studentessa luiss della triennale in. politics philosophy qnd economics e sono stata costretta a lasciare il lavoro che avevo come interprete in un centro d’accoglienza migranti l’anno scorso. sono stata addirittura penalizzata in certi esami per il fatto che il lavoro non mi permetteva disponibilità illimitate per presentations. io credo che molti giovani come me, vorrebbero lavorare mentre studiano, ma un po’ i salari bassi (io prendevo 5 euro netti l’ora per fare traduzioni giuridiche di documenti da e verso il francese e l’inglese), vorrei ricordare che a roma una colf ne prende 8 all’ora) ed un po’ la poca flessibilità dei docenti. bisogna sia chiara la distinzione tra chi non può fare lavoro extra perché ha un occupazione e chi invece non lo vuole fare per pigrizia..

    Mi piace

    • Giovanni Lo Storto ha detto:

      Cara Mariangela, la sua è una osservazione corretta. È tuttavia da rilevare che i tempi stabiliti dai docenti per lo svolgimento dei corsi sono dettati dall’esigenza di portare al massimo l’efficacia formativa – anche pratica – degli stessi per tutti gli studenti. Il lavoro durante gli studi è certamente stancante (io stesso ho lavorato durante i miei anni universitari a Roma), ma anche formativo. Resta tuttavia da stabilire le priorità che ciascuno fissa per sé, senza che l’una sia di peso per l’altra. Il tempo dedicato allo studio le tornerà certamente utile per il suo prossimo lavoro. In bocca al lupo.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...