La fine dell’università?

Kevin Carey, autore de “La fine del college”, ha le idee molto chiare su come sarà l’università tra qualche anno. Digitale, interattiva, delocalizzata, molto diversa da come la conosciamo oggi. La “Global University of Everywhere”.

In un interessante articolo pubblicato per Business Insider e il World Economic Forum, Carey immagina le università nel medio-lungo termine, vedendole inseguire modelli di MOOCs e basando su quelli la gran parte della loro missione. Un apprendimento a distanza, che consente comunque una interazione, riduce drasticamente i costi della formazione e accresce di conseguenza il numero di studenti che possono iscriversi, pur non intaccando la qualità della formazione erogata. L’obiettivo è rendere l’università un luogo aperto, senza barriere, in cui l’apprendimento non è un processo unidirezionale ma condiviso e le idee hanno spazio per circolare liberamente.

Una prospettiva senza dubbio stimolante per la sua inclusività e su cui vale la pena lavorare. La LUISS ha iniziato questo percorso lanciando in febbraio il primo MOOC in Global Politics, tenuto dal prof. Raffaele Marchetti, ed è pronta a lanciarne altri all’inizio del prossimo anno accademico. I nuovi spazi di viale Romania sono stati pensati per rispondere a questa visione open dell’ateneo, in cui lo studente non deve solo “raccogliere” nozioni, ma partecipa attivamente al processo di apprendimento.

Un processo di apprendimento in continua evoluzione, che si allarga, include, crea e condivide le opportunità. È questo ciò di cui gli studenti di oggi hanno profondamente bisogno ed è a questa sfida che siamo chiamati a rispondere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...