Riscoprire la lentezza

“In un mondo che corre vorticosamente, con logiche spesso incomprensibili, il problema della lentezza si affaccia alla mente con prepotenza, come una meta del pensiero e della via da percorrere”.

Festina lente, affrettati lentamente. È da questo ossimoro che parte Lamberto Maffei, Presidente dell’Accademia dei Lincei ed ex direttore dell’Istituto di Neuroscienza del Cnr, nel suo saggio dal titolo “Elogio della lentezza”.

Nel frattempo, la BBC ha appena lanciato la “televisione lenta”, “BBC Four Goes Slow”. Il suo obiettivo è quello di rilassare lo spirito degli spettatori e far apprezzare momenti che così non sfuggono velocemente. Per due ore di fila una barca scivola lenta in un canale: si può seguire ogni istante del suo viaggio oppure scegliere di fare un tour di tre ore nella National Gallery.

L’idea che ha ispirato il lancio viene dalla Norvegia dove, già da tempo, si trasmettono programmi in cui si assiste per ore una sessione di maglia e uncinetto, oppure si segue ogni tappa del viaggio del treno tra Oslo e Bergen, della durata di sette ore.

“Rallentare ci dà la possibilità di osservare veramente le cose che ci circondano”, ha spiegato Cassian Harrison, editor del canale BBC Four.

È questa lentezza, sapientemente alternata a una necessaria rapidità, che deve coniugare la nostra personalità analogica con quella digitale, senza che una si opponga all’altra, ma facendo sì che si completino reciprocamente. Un modus vivendi che la LUISS ha deciso di adottare con una serie di iniziative volte a far comprendere agli studenti l’importanza del “tempo giusto”, imparando a riconoscerlo. Imparando, nel contempo, a guardare e non solo a vedere.

La consapevolezza del tempo giusto e la capacità di guardare è infatti fondamentale anche nel management, anche se apparentemente sembrano universi inconciliabili. Se da un lato si vede la figura del manager come capace di valutare elementi e prendere decisioni in tempi rapidissimi, è tuttavia importante capire come calibrare la velocità con la lentezza e imparare dall’una e dall’altra, affiancando la rapidità d’azione al momento di riflessione, entrambi ugualmente necessari per formare professionisti completi.

Un pensiero su “Riscoprire la lentezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...